Condominio

Condomino moroso: che fare?

L’amministratore può chiedere ai condomini di accollarsi le spese di qualche condomino moroso?
Con la Riforma del Condominio attuata con Legge 11 dicembre 2012, n. 220 si è riaperta la discussione in merito alle diverse strade da intraprendere nei confronti del condomino moroso, cioè colui che non versa la propria quota di spese condominiali o riscaldamento.

Cominciamo con il chiarire alcuni concetti:

1)I nuovi poteri attribuiti dalla Riforma all’Amministratore di stabili al fine di procedere alla riscossione delle spese condominiali, in base alla ripartizione stabilita dall’assemblea. Ai sensi del nuovo art. 63 disp att. egli può ottenere un decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo nei confronti del condomino moroso, nonostante la possibilità del moroso di opposizione. Questo senza la preventiva autorizzazione dell’assemblea né l’obbligo di mettere in mora il condomino inadempiente. Il decreto ingiuntivo è quell’atto giudiziario con la quale s’intima al debitore di pagare una determinata somma di denaro entro un determinato termine, pena l’esecuzione coattiva per la soddisfazione delle ragioni del creditore.

2)Oltre a quanto previsto dal regolamento di condominio l’Amministratore ha tempo sei mesi dalla chiusura dell’esercizio annuale (consuntivo) per poter agire contro il condomino moroso per le quote non pagate;

3) Nel caso in cui la spesa in questione sia dovuta ad esempio, quale corrispettivo per lavori di straordinaria amministrazione, a fronte del contratto stipulato dall’amministratore in rappresentanza degli altri condomini.

Ai sensi del già citato art. 63, al secondo comma si prevede quanto segue:
“I creditori non possono agire nei confronti degli obbligati in regola con i pagamenti, se non dopo l’escussione degli altri condomini.”

L’impresa che ha eseguito i lavori non potrà chiedere tutto il pagamento ad un solo condomino. Dovrà rivolgersi a ciascuno dei condomini in proporzione alla singola quota debitoria di spettanza. Inoltre, ed è qui la novità rilevante, il creditore dovrà agire “pro quota” prima nei confronti dei condomini morosi (a lui indicati dall’amministratore) e, solo nel caso in cui sia impossibile soddisfarsi sul patrimonio di questi ultimi, potrà successivamente rivolgersi ai condomini in regola. Viene pertanto introdotto il “beneficio della preventiva escussione”.

Ma infine qualora le azioni esecutive nei confronti dei condomini morosi si dovessero rivelare infruttuose, sia esse intraprese dall’amministratore o dalle imprese fornitrici di servizi, i “condomini virtuosi” saranno comunque chiamati a rispondere delle obbligazioni condominiali. Secondo quote e modalità stabilite con apposita delibera assembleare con il diritto di recuperare le somme eventualmente versate  titolo di copertura dei debiti nel momento in in cui il moroso torna solvibile o tramite azione di pignoramento immobiliare.

 

Se ti è piaciuto condividi!

 

 

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Questo sito utilizza cookie tecnici per migliorare il servizio. Per l'installazione di cookie tecnici non è richiesto il preventivo consenso degli utenti, mentre resta fermo l'obbligo di dare l'informativa ai sensi dell'art. 13 del d.lgs. n.196/2003. Leggi qui l'Informativa completa

Informativa estesa COOKIE POLICY Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorarne l'esperienza di navigazione e consentire a chi naviga di usufruire dei nostri servizi online . I cookies utilizzati in questo sito rientrano nelle categorie descritte di seguito; Se prosegui nella navigazione acconsenti all'utilizzo dei cookie. In qualunque momento è possibile disabilitare i cookies presenti sul browser; ti ricordiamo che quest'opzione potrebbe limitare molte delle funzionalità di navigazione del sito. ISTRUZIONI DISABILITAZIONE COOKIES DAI BROWSERS Se si utilizza Internet Explorer In Internet Explorer, fare clic su "Strumenti" poi "Opzioni Internet". Nella scheda Privacy, spostare il cursore verso l'alto per bloccare tutti i cookie o verso il basso per consentire a tutti i cookie, e quindi fare clic su OK. Se si utilizza il browser Firefox Vai al menu "Strumenti" del browser e selezionare il menu "Opzioni" Fare clic sulla scheda "Privacy", deselezionare la casella "Accetta cookie" e fare clic su OK. Se si utilizza il browser Safari In Browser della votazione, selezionare il menu "Modifica" e selezionare "Preferences". Clicca su "Privacy". Posizionare l'impostazione "cookies Block" sempre "e fare clic su OK. Se si utilizza il browser Google Chrome Fai clic sul menu Chrome nella barra degli strumenti del browser. Selezionare "Impostazioni". Fare clic su "Mostra impostazioni avanzate". Nella sezione "Privacy", fai clic sul pulsante "Impostazioni contenuti". Nella sezione "Cookies", selezionare "Non consentire ai siti per memorizzare i dati" e di controllo "cookie di blocco e di terze parti i dati sito", e quindi fare clic su OK. Se usi un qualsiasi altro browser, cerca nelle Impostazioni del browser la modalità di gestione dei cookies. COSA SONO I COOKIES COOKIE TECNICI Attività strettamente necessarie al funzionamento Questi cookies hanno natura tecnica e permettono al sito di funzionare correttamente. Ad esempio, mantengono l'utente collegato durante la navigazione evitando che il sito richieda di collegarsi più volte per accedere alle pagine successive. Attività di salvataggio delle preferenze Questi cookie permettono di ricordare le preferenze selezionate dall'utente durante la navigazione, ad esempio, consentono di impostare la lingua. Attività Statistiche e di Misurazione dell'audience Questi cookie ci aiutano a capire, attraverso dati raccolti in forma anonima e aggregata, come gli utenti interagiscono con i nostri siti internet fornendoci informazioni relative alle sezioni visitate, il tempo trascorso sul sito, eventuali malfunzionamenti. Questo ci aiuta a migliorare la resa dei nostri siti internet. COOKIE DI PROFILAZIONE DI TERZA PARTE Facciamo uso di svariati fornitori che possono a loro volta installare cookies per il corretto funzionamento dei servizi che stanno fornendo. Se desiderate avere informazioni relative a questi cookie di terza parte e su come disabilitarli vi preghiamo di accedere ai link delle tabelle qui di seguito. Inoltre accedendo alla pagina http://www.youronlinechoices.com/it/le-tue-scelte è possibile informarsi sulla pubblicità comportamentale oltre che disattivare o attivare le società elencate e che lavorano con i gestori dei siti web per raccogliere e utilizzare informazioni utili alla fruizione della pubblicità. Cookie Statistici e di Misurazione dell'audience di terza parte Questi cookie (servizi web di terza parte) forniscono informazioni anonime / aggregate sul modo in cui i visitatori navigano sul sito. Di seguito i link alle rispettive pagine di cookies policy. Vivistat count.vivistat.it: sistema di statistiche Cookies analitici condizioni Cookie di social media sharing Questi cookie di terza parte vengono utilizzati per integrare alcune diffuse funzionalità dei principali social media e fornirle all'interno del sito. In particolare permettono la registrazione e l'autenticazione sul sito tramite facebook e google connect, la condivisione e i commenti di pagine del sito sui social, abilitano le funzionalità del "mi piace" su Facebook e del "+1" su G+. Titolare del trattamento è Grandicase . In ogni momento potete esercitare i diritti di cui all'art. 7 del Codice in materia di protezione dei dati personali tra i quali accedere alle informazioni che Vi riguardano e chiederne l'aggiornamento, la rettificazione e l'integrazione, nonché la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco solo qualora i medesimi vengano trattati in violazione alla legge. Potete altresì opporVi in tutto o in parte al trattamento. Per esercitare i diritti sopra indicati potrete rivolgerVi al titolare del trattamento inviando una e-mail all'indirizzo info@alessiotreccarichi.it.

Close